0 Commenti

Una delle tecnologie maggiormente sviluppate in ambito ottico negli ultimi anni è sicuramente quella legata agli occhiali fotocromatici.

Che cos’è una lente fotocromatica?

E’ una lente capace di cambiare colore a seconda delle condizioni luminose esterne.

In sostanza, si tratta di avere la possibilità di avere un paio di occhiali da vista che, all’esterno, si scuriscono a seconda dell’intensità luminosa fino a diventare dei veri e propri occhiali da sole.

Questo processo è stato introdotto inizialmente, nel dopoguerra, sulle lenti in vetro. Ha raggiunto il successo commerciale solo negli anni 90 grazie all’utilizzo sulle lenti infrangibili in materiale organico, più leggere, economiche e resistenti, e con qualità ottiche paragonabili al vetro.

Il processo per cui le lenti si scuriscono è chimico-fisico. I pigmenti chimici utilizzati, ricevendo luce, modificano la propria conformazione cambiando colore e facendo diventare quindi la lente colorata. Tanto più intensa sarà la luce, tanto maggiore sarà quindi lo scurimento della lente.

Queste sostanze possono essere immerse nel polimero di cui è fatta la lente, oppure possono essere “spalmate” su uno strato sottilissimo sopra la lente.

Fino a qui, tutto bene. Ma non è tutto oro quel che luccica!

Ma è vero che sono velocissime a scurirsi e schiarirsi?

Ehmmm… Forse il reparto marketing risponderebbe “CEEERTOOO!”

La realtà è che tutte le lenti fotocromatiche impiegano almeno una ventina di secondi a scurirsi (anche un minuto per farlo completamente) e soprattutto impiegano almeno un paio di minuti a schiarirsi. Inoltre hanno una “durata”, dopo qualche anno la capacità di scurirsi diminuisce. Ma questo di solito non è un problema perché la vita media degli occhiali è più breve 😉

Alcuni clienti ci chiedono “ho comprato gli occhiali fotocromatici, ma non funzionano!”

Nel 99,9% dei casi, i clienti stanno provando gli occhiali dalla finestra di casa. E in queste condizioni, gli occhiali fotocromatici non funzionano. Il perché è molto semplice: i vetri di casa o quelli delle auto filtrano le lunghezze d’onda necessarie ad attivare i polimeri sulle lenti. Basterà aprire la finestra per vedere scurire la lente!

Riassumendo…

Gli occhiali fotocromatici sono l’ideale per un utilizzo quotidiano, offrono un comfort ottimale sia in ambienti chiusi, perché proteggono anche dalla luce blu, sia in esterno in diverse condizioni climatiche perché proteggono dagli ultravioletti. Vanno benissimo anche per la guida notturna. Non sostituiscono però al 100% un paio di occhiali da sole: lo scurimento non sarà mai uguale a quello di un paio di occhiali da sole “scuri scuri”. Per la guida diurna anche le lenti fotocromatiche di ultima generazione non sono adatte, sia per la velocità di scurimento/schiarimento, sia perché lo scurimento non è sufficiente a garantire comfort e sicurezza alla guida.

Alla guida e al mare, per esempio, sarebbe meglio utilizzare un paio di occhiali da sole polarizzati, in grado di offrire un comfort sicuramente superiore!

Qui invece trovi la linea di prodotti nowave, tra cui anche le versioni fotocromatiche degli occhiali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Created with © 2019 WordPress Integration by Inveo